Papa Francesco se ne è uscito ieri con una solenne idiozia, quella secondo la quale la famiglia sarebbe quella che è raccontata dai testi sacri. . Ma ecco alcuni esempi relativi alla famiglia biblica riguardanti Abramo, Sara, Lot … (Ma si potrebbe proseguire con quel porco di David ed altri esempi clamorosi) è utile fornirli perché non si creda alle immani bugie di una Chiesa che se non mente non può esistere.
R

ABRAMO PROSTITUISCE LA MOGLIE SARA

Abramo, proveniente da Ur di Babilonia, si sistemò a Sichem nella terra Canaan. Dopo qualche tempo una carestia lo obbligò a recarsi in Egitto per trovare la possibilità di sopravvivere. Prima di entrare in quel Paese Abramo parlò a sua moglie Sara in un modo spregevole come spregevole sarà il suo comportamento successivo. Leggiamo:

“Vedi, io so che tu sei donna di aspetto avvenente.
[12] Quando gli Egiziani ti vedranno, penseranno: Costei è sua moglie, e mi uccideranno, mentre lasceranno te in vita.
[13] Dì dunque che tu sei mia sorella, perché io sia trattato bene per causa tua e io viva per riguardo a te” [Gn 12, 11-13]
Avvistata da soldati egiziani, il racconto funziona e Sara viene presentata al faraone e ne diviene la concubina, mentre Abramo diventa il protetto del faraone. In cambio delle prestazioni della moglie egli ebbe “greggi ed armenti e asini, schiavi e schiave, asine e cammelli” [Gen 12, 14-16].
Il bello è che un Dio farlocco non punì Abramo ma tutti gli egiziani inviando le famose 10 piaghe.

Non è finita perché la pratica di arricchirsi facendo il magnaccia della moglie è nell’usuale comportamento di Abramo. In epoca successiva a quella ora raccontata, Abramo direttosi verso il Negev si accampò come straniero nel regno di Gerar, riprovò a prostituire la moglie Sara con Abimelech, re di Gerar. Dio, come sempre confusionario (nella migliore delle ipotesi) e criminale (nell’altra ipotesi), pensò bene di minacciare non già quel disonesto di Abramo ma il povero Abimelech. Vediamo il racconto della Bibbia:
[2] Siccome Abramo aveva detto della moglie Sara: “È mia sorella”, Abimèlech, re di Gerar, mandò a prendere Sara. [3] Ma Dio venne da Abimèlech di notte, in sogno, e gli disse: “Ecco stai per morire a causa della donna che tu hai presa; essa appartiene a suo marito”. [4] Abimèlech, che non si era ancora accostato a lei, disse: “Mio Signore, vuoi far morire anche la gente innocente? [5] Non mi ha forse detto: È mia sorella? E anche lei ha detto: È mio fratello. Con retta coscienza e mani innocenti ho fatto questo”.
[6] Gli rispose Dio nel sogno: “Anch’io so che con retta coscienza hai fatto questo e ti ho anche impedito di peccare contro di me: perciò non ho permesso che tu la toccassi. [7] Ora restituisci la donna di quest’uomo: egli è un profeta: preghi egli per te e tu vivrai. Ma se tu non la restituisci, sappi che sarai degno di morte con tutti i tuoi”. [8] Allora Abimèlech si alzò di mattina presto e chiamò tutti i suoi servi, ai quali riferì tutte queste cose, e quegli uomini si impaurirono molto. [9] Poi Abimèlech chiamò Abramo e gli disse: “Che ci hai fatto? E che colpa ho commesso contro di te, perché tu abbia esposto me e il mio regno ad un peccato tanto grande? Tu hai fatto a mio riguardo azioni che non si fanno”. [Gen. 20, 2-9].
Qui abbiamo Sara ormai ultracentenaria che è ancora oggetto di desiderio. Abbiamo poi dei re che sembra ambiscano ogni femminuccia di passaggio. Di Dio ho già detto, resta da vedere se anche qui, come in Egitto, Abramo trae guadagno dalle sue menzogne. Come dubitarne? Qui si parla di malfattori, ladruncoli, una tribù immorale come il Dio che la guida.
[14] Allora Abimèlech prese greggi e armenti, schiavi e schiave, li diede ad Abramo e gli restituì la moglie Sara. [15] Inoltre Abimèlech disse: “Ecco davanti a te il mio territorio: và ad abitare dove ti piace!”. [16] A Sara disse: “Ecco, ho dato mille pezzi d’argento a tuo fratello: sarà per te come un risarcimento di fronte a quanti sono con te. Così tu sei in tutto riabilitata”.
[17] Abramo pregò Dio e Dio guarì Abimèlech, sua moglie e le sue serve, sì che poterono ancora partorire. [18] Perché il Signore aveva reso sterili tutte le donne della casa di Abimèlech, per il fatto di Sara, moglie di Abramo [Gen. 20, 14-18].

ABRAMO E SARA AFFITTANO UN UTERO

La storia di Abramo segue con la sterile Sara che propone al marito di avere dei figli con la schiava egiziana Agar, che doveva essere stata donata dal faraone. E’ interessante questo volere figli che, assicura Sara, saranno considerati come suoi. Intanto Abramo si sottopone alle sacre fatiche (ha 86 anni!) ed Agar resta incinta. Allora Sara comincia ad essere gelosa e ottiene il permesso di maltrattare Agar, fino al punto che la schiava fugge nel deserto. Qui un angelo la incontra e la riporta a casa preannunciando ad Abramo la nascita di suo figlio Ismaele (che sarà padre di tutti gli arabi del deserto che, come dice l’angelo, “saranno come un somaro: contro tutti”. Qui non vi è disprezzo, si usava questa espressione).
Più tardi, in un eccesso di generosità, Dio promise la discendenza anche a Sara (sterile, vecchia e da tempo in menopausa). E così nacque Isacco che poi Dio santificò a suo modo.
[1]Dopo queste cose [l’alleanza che Abramo aveva fatto con Abimèlech a Bersabeo], Dio mise alla prova Abramo e gli disse: «Abramo, Abramo!». Rispose: «Eccomi!». [2]Riprese: «Prendi tuo figlio, il tuo unico figlio che ami, Isacco, và nel territorio di Moria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò».
Una prova così, richiesta da Dio ad un suo fedele ? Devono sempre essere in pericolo degli innocenti ? Non era pensabile una prova come la seguente ? “Abramo, prendi il coltello e tagliati il membro !” Una prova così avrebbe messo a diretto contatto Dio con il sacrificio corporale di un suo suddito. No, questo Dio deve chiedere a questo suo suddito di ammazzare suo figlio. Questa idea, stupida e criminale, di un Dio che mette alla prova è quanto di peggio i monoteisti sono riusciti ad inventare. Un Dio che ha comportamenti del tutto umani e soffre di gelosie e di verifiche continue (materiali) della fede dei suoi sudditi. Povero Dio e molto più poveri credenti !

LA FAMIGLIA BIBLICA: VIOLENTATE LE MIE DUE FIGLIE

Due angeli arrivarono a Sodoma sul far della sera e trovarono Lot, il nipote di Abramo, seduto alle porte della città. Egli offrì ai due angeli una grande accoglienza.. Ma gli abitanti di Sodoma, i sodomiti, che avevano visto i due angeli entrare nella casa (tenda) di Lot si affollarono intorno alla tenda di Lot e mostrarono di essere quei sodomiti che oggi conosciamo. Si affollarono davanti alla casa di Lot chiedendo dove fossero “quei due”. Chiesero a Lot di farli uscire perché volevano abusarne. Ma Lot, nel rispetto dell’ospitalità, ebbe un lampo di genio [una vera bestialità!] e offrì loro uno scambio: “No, fratelli miei, non fate del male! Sentite, io ho due figlie che non hanno ancora conosciuto uomo; lasciate che ve le porti fuori, e fate loro quel che vi piace!” [Gen. 19, 7-8]. Quelli insistevano. Preferivano i due uomini (angeli) e dissero:
«Tirati via! Quest’individuo è venuto qui come straniero e vuol fare il giudice! Ora faremo a te peggio che a loro!». E spingendosi violentemente contro quell’uomo, cioè contro Lot, si avvicinarono per sfondare la porta. [10] Allora dall’interno quegli uomini sporsero le mani, si trassero in casa Lot e chiusero il battente; [11] quanto agli uomini che erano alla porta della casa, essi li colpirono con un abbaglio accecante dal più piccolo al più grande, così che non riuscirono a trovare la porta. [Gen. 19, 9-11]
Poiché Lot aveva a che fare con dei sodomiti interessati a due apparenti uomini o giovinetti (gli angeli) poteva offrirsi magnificando le sue doti. Ma no. Offre le uniche due figlie giovani e vergini e non già ad una o due persone ma ad un’intera masnada. Poteva anche pensare di imporre la sua persona a difesa materiale dei due. Ma anche questo neppure sfiora la mente dell’orrido personaggio. Insomma un vero essere da cui guardarsi. Tra l’altro il Dio smemorato neppure ricorda uno dei suoi comandamenti:
[29] Non profanare tua figlia, prostituendola, perché il paese non si dia alla prostituzione e non si riempia di infamie. [Lv. 19, 29]
Si può pensare che Lot sia un vile e che sia anche repellente fisicamente, tanto che non interessa i sodomiti. Resta l’insegnamento di Dio: le donne possono essere violentate a piacere per salvare qualche uomo che rifiuta di offrire le sue grazie.

ANCORA LA FAMIGLIA BIBLICA: INCESTI A GO GO

Lot se ne andò a vivere in una grotta sulle montagne con le due figlie. E qui altre oscenità, quelle per le quali ho riportato l’intera storia.
[30]Poi Lot partì da Zoar e andò ad abitare sulla montagna, insieme con le due figlie, perché temeva di restare in Zoar, e si stabilì in una caverna con le sue due figlie. [31]Ora la maggiore disse alla più piccola: «Il nostro padre è veccho e non c’è nessuno in questo territorio per unirsi a noi, secondo l’uso di tutta la terra. [32]Vieni, facciamo bere del vino a nostro padre e poi corichiamoci con lui, così faremo sussistere una discendenza da nostro padre». [33]Quella notte fecero bere del vino al loro padre e la maggiore andò a coricarsi con il padre; ma egli non se ne accorse, né quando essa si coricò, né quando essa si alzò. [34]All’indomani la maggiore disse alla più piccola: «Ecco, ieri io mi sono coricata con nostro padre: facciamogli bere del vino anche questa notte e và tu a coricarti con lui; così faremo sussistere una discendenza da nostro padre». [35]Anche quella notte fecero bere del vino al loro padre e la più piccola andò a coricarsi con lui; ma egli non se ne accorse, né quando essa si coricò, né quando essa si alzò. [36]Così le due figlie di Lot concepirono dal loro padre. [37]La maggiore partorì un figlio e lo chiamò Moab. Costui è il padre dei Moabiti che esistono fino ad oggi. [38]Anche la più piccola partorì un figlio e lo chiamò «Figlio del mio popolo». Costui è il padre degli Ammoniti che esistono fino ad oggi. [Gen. 19, 30-38]
Insomma la sodomia dovrebbe essere un peccato immondo per Javhé per il quale però l’incesto e la prostituzione vanno bene. E poi, questa gente continuamente ubriaca! Quelle donne, scampate ai sodomiti, che risolvono i loro problemi sessuali con il padre dopo averlo ubriacato! Un Dio così, che si mantiene un Patriarca così, con figlie così e con un nipote così (che offre le figlie vergini ai sodomiti), fa ribrezzo.

Cos'è per te la famiglia?

View Results

Caricamento ... Caricamento ...

[Via]






 

Commenta l'articolo

commenti

Pin It on Pinterest

Share This