Quel giorno di ritorno da una passeggiata per le colline scozzesi del Cairngorm, Peter Ware Higgs ebbe l’intuizione che solo 49 anni dopo gli avrebbe valso il premio Nobel per la fisica. Una “grande idea” la definì lui stesso quando ipotizzò l’esistenza di una particella subatomica ovvero l’origine della massa delle particelle elementari.


Peter Ware Higgs

Peter Ware Higgs

Il bosone di Higgs è un bosone massivo e scalare che gioca un ruolo fondamentale all’interno del Modello standard. La sua importanza è quella di essere portatore di forza del campo di Higgs, che secondo la teoria permea l’universo conferendo la massa alle particelle elementari. Inoltre la sua esistenza garantisce la consistenza del Modello standard, che senza di esso descriverebbe processi con una probabilità maggiore di uno, risultando inefficace.

Il bosone di Higgs è stato osservato per la prima volta nel 2012, negli esperimenti ATLAS e CMS condotti con l’acceleratore LHC (Large Hadron Collider) che si trova al Cern di Ginevra.


Piero Angela spiega cos’è il Bosone di Higgs

L’importanza e la conferma dell’esistenza di questo bosone rappresenta una delle (poche) novità nella fisica dai tempi della teoria della relatività speciale formulata da Einstein.






Commenta l'articolo

commenti

Pin It on Pinterest

Share This