Post recenti da Tutte le Categorie

Perchè il futuro non ha bisogno di noi

(Bill Joy, cofondatore e caposcienziato di Sun Microsystems, e’ stato dirigente della commissione presidenziale sul futuro della ricerca IT, ed è coautore delle specifiche del liguaggio Java. Si può leggere anche del suo lavoro su: “Jini pervasive computing technology” in Wired 6.08. ) Dal momento che sono stato coinvolto nella creazione di nuove tecnologie, la loro dimensione etica mi ha preoccupato, ma è stato solamente nell’autunno del 1998 che sono diventato ansiosamente consapevole di quanto grandi siano i...

Perché nel futuro non ci sarà l’auto elettrica!

Io ho una Prius. Un’auto ibrida capolavoro d’ingegneria della Toyota punto di partenza per quello che molti avrebbero scommesso essere il futuro dell’auto: 100% elettrica. In molti ci stanno puntando seriamente, basti pensare a Tesla che con il suo ultimo modello d’auto, la Tesla S, promette l’auto totalmente elettrica a costi accessibili a (quasi) tutti. Ma le cose non vanno quasi mai come si desiderano ed ecco perchè l’auto elettrica, molto probabilmente, non sarà il futuro che tutti si aspettavano. ...

Italiani: si siamo razzisti!

Orgoglio italiano, finalmente siamo primi in qualcosa: l’odio razziale. Tra i nostri cugini europei non c’è infatti nessuno che ci batte quando si parla di detestare i rom e i musulmani. Quando invece si tratta di odiare gli ebrei siamo secondi dietro la Polonia: peccato, abbiamo sfiorato il triplete. Sarà per la prossima volta. A certificare che in Europa siamo un caso di studio, in senso negativo ovviamente, ci pensa una ricerca pubblicata ieri dal Pew research center e dedicata in generale all’Unione Europea, con una...

I mostri che abbiamo dentro

Alle vittime di Dacca, tutte. I mostri che abbiamo dentro di Giorgio Gaber, Fa un certo effetto non capire bene da dove nasce ogni tua reazione. E tu stai vivendo senza sapere mai nel tuo profondo quello che sei quello che sei. I mostri che abbiamo dentro che vivono in ogni uomo nascosti nell’inconscio sono un atavico richiamo. I mostri che abbiamo dentro che vagano in ogni mente ...

L’imperdonabile leggerezza dello brexit

Dunque, fuori dall’Unione Europea. E’ brexit, acronimo che nella sua brevità è tanto efficace quanto lapidario. Gli Inglesi, poco più della metà dei votanti del Regno Unito, hanno fatto la loro scelta. Consapevole si direbbe, assolutamente inconsapevole come vedremo e come vedremo senza grosse colpe, o almeno non tutte, dell’UE. Certamente le recenti condotte su questioni come l’immigrazione hanno certamente influito ad acuire l’acredine del villano inglese, ma non è stata questa la causa...

Nel frattempo in Croazia…trivelle e petrolieri sono fuori!

Se dai noi Renzi ha boicottato il referendum sulle trivelle, in Croazia petrolieri e trivelle sono banditi dal mare!

La rivoluzione relativistica e quantistica nel dibattito epistemologico del XX secolo

Con rapidità straordinaria avvengono, tra Ottocento e Novecento, radicali mutamenti scientifici; risultati e strumenti di indagine acquistano crescente complessità e il lavoro scientifico tende sempre più a suddividersi in campi specialistici di indagine, che non possono più essere padroneggiati con sicurezza da un singolo individuo. Di fronte a questa situazione, la filosofia, dopo la diffusione del positivismo che indicava nelle scienze l’unica forma valida di conoscenza, torna non di rado a rivendicare una posizione di primato....

Referendum: semplicemente NO

Settant’anni dopo, né il fascismo né la monarchia sono cose del passato.
Settant’anni dopo, c’è da dire lo stesso NO a entrambe.

Ieri zoo, oggi bioparchi: inutili, anacronistici, diseducativi

La nascita degli zoo si fa risalire al 1840 a Londra quando l’abbreviazione “zoo” fu usata per indicare il parco creato dalla Zoological Society, dove erano conservati ed esposti al pubblico animali provenienti da tutto il mondo. Le finalità che si prefiggevano erano divulgative, cioè portare a conoscenza dei bambini e degli adulti animali provenienti da paesi lontani di cui si favoleggiava ma che la maggioranza delle persone non aveva mai avuto la possibilità di vedere dal vivo. Inoltre si pensava gli zoo potessero servire...

Se il biologico fosse una truffa?

È pensiero comune snocciolare e supportare tutti i pregi dell’agricoltura biologica, ovvero quel tipo di coltivazione che, citando il sito internet UE, “rispetta i cicli vitali naturali, che minimizza l’intervento umano sull’ecosistema e che opera in maniera più naturale possibile”, per esempio evitando l’utilizzo di pesticidi o di OGM e favorendo la rotazione delle coltivazioni, l’utilizzo di animali che eliminino i nocivi naturalmente e di concimi organici, magari provenienti dal bestiame del contadino stesso. Chi segue Il...

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi