Perché amiamo così tanto i video di gatti?

Se, collegandoti a internet, non hai mai guardato immagini o video riguardanti gatti, non li hai mai inviati o ricevuti, collezionati su instagram o ritwittati, due cose devi sapere: la prima è che faresti meglio a non leggere questo articolo, la seconda è che stai...

Facebook e la proliferazione degli imbecilli

Umberto Eco disse, in un suo memorabile intervento, che Internet ha dato voce a legioni di imbecilli, la cui opinione un tempo restava confinata alle pareti del bar. Non solo - mi permetto di aggiungere - ma ha consacrato il parere degli imbecilli a parere legittimo,...

Più veloce della luce!

La velocità della luce è la velocità limite. Nessuna informazione può propagarsi più velocemente. E' una cosa che sappiamo dai libri di scuola, e che è supportata da un'infinità di prove sperimentali, nonostante certi non se ne facciano una ragione, e ogni tanto...

Evolution

Le forze che guidano l’evoluzione continuano ad agire sulla nostra specie, eliminando quelle variabili genetiche che portano caratteri negativi e che dunque influenzano la sopravvivenza degli individui.

40 anni di segnale WOW!

L’astronomo Jerry R. Ehman il 15 agosto 1977, mentre lavorava al progetto di ricerca di vita extraterrestre SETI, con il radiotelescopio Big Ear dell’Università statale dell’Ohio rileva un segnale le cui caratteristiche lasciano intendere una provenienza esterna alla Terra e al Sistema Solare. Durato 72 secondi, in seguito il segnale non fu mai più rilevato.

L’orso Yoghi non esiste

Ai più la sigla #KJ2 dirà poco…ma in realtà nasconde un altro fallimento dell’uomo per il rispetto della biodiversità. #trentino

Davvero si può risolvere la congettura di Riemann?

Rimasta irrisolta per 160 anni, la congettura di Riemann potrebbe ora essere più vicina alla dimostrazione (e quindi al premio da un milione di dollari). Tre matematici hanno proposto un nuovo approccio per riuscire a risolverla: usare un sistema quantistico.

Morire d’omeopatia, purtroppo, si può.

Come è possibile che si sia arrivati a far morire un bambino per un’otite? Come è possibile che né l’omeopata né i genitori si siano resi conto della gravità della situazione e non siano corsi al pronto soccorso dopo tanti giorni di febbre e pus, lasciando invece degenerare una banale otite fino a una situazione così disperata e irrecuperabile? Come è possibile che siano rimasti irremovibili nell’usare i prodotti omeopatici fino alla fine?

La sfortuna di essere intelligenti

A me sembra che tutti si considerino intelligenti. A giudicare dagli status che leggo sui social, dalle chiacchiere con gli sconosciuti al bar e dai discorsi che mi capita di ascoltare, tutti sono generosamente dotati di materia grigia e ne fanno gran sfoggio. Non della materia grigia, ma della loro convinzione di averla.

La voce di chi non ha voce

Oggi sono stato dentro un campo profughi a Nord di Khartoum. La zona si chiama Mayo e qui c’è il più grande campo profughi in Africa: ci sono i rifugiati del Darfur, 400.000 persone di cui 150.000 al di sotto dei 10 anni. La vita media delle persone in questo campo è non supera i 35 anni!

Il problema di Apple

Mettendo da parte l’ottimo lavoro di marketing degli uomini Apple, i più attenti sollevarono qualche piccola critica per quanto riguarda la presenza di componenti – CPU in primis – già vecchi per il mercato a cui la compagnia strizzava l’occhio. Ad Apple questo genere di critiche sinceramente non interessano e, diciamocelo francamente, da un certo punto di vista fanno benissimo. Questo atteggiamento permette all’azienda di mettere da parte numeri e numeretti per quanto riguarda la scheda tecnica degli iPhone mentre, dal lato Android, si fa a gara a “chi ce l’ha più potente”.

L’importanza (straordinaria) di fare cose inutili

L’uomo sente il bisogno di fare cose inutili. Inutili per quello che concerne la sua semplice esistenza. Meravigliosamente inutili, come dipingere un quadro, scrivere una poesia, o ingegnarsi per capire come può essere fatta una particella o un minuscolo pianeta distante 4 miliardi di chilometri, e sul quale certamente non andrà mai.

L’arte della dimenticanza

Io ho sempre voluto dimenticare. Il mio problema specifico è dimenticare. Ho sempre avuto molte cose da dimenticare, e questo mi ha tenuto parecchio occupato durante quarantun anni di vita. Purtroppo come tutti ho dei ricordi. Uno non sceglie di avere ricordi, perché i ricordi sono già sempre lì, nelle pieghe del presente, strani e imprevedibili flussi che ci allontanano dagli oggetti e dalle persone che ci stanno più vicine.

No, non è internet il problema!

Il principio stesso di democrazia, su cui si fonda l’utilizzo della rete, può essere messo in discussione da chiunque cerchi di fare proseliti alimentando facili egoismi a scapito dei doveri di solidarietà e responsabilità. Il cyberbullismo ne è l’espressione peggiore.

Stazione Meteo Rieti
23 aprile 2018, 13:07
23.3
°C
23.3
°C
11.2
°C
1020.0
hPa
51
%
2
km/h
8
km/h
max
0.0
mm/h
0.0
mm
today
1300
m
Netcam

Le parole sono importanti

vaccini bufala ebook extraterrestri trivelle sicurezza rating bayer corruzione gps libia gelmini costituzione maltrattamenti disastro editoria digitale video classe politica manifestazione legittimo impedimento nsa chiesa cattolica retina regione lazio fascismo orso dannoso 11/9 strage tossico giustizia attentato violenza tremonti affondare darfur stato imu syngenta englaro sts backdoor vivisezione spionaggio televisione auto denaro pubblico orsa pontida missione iva napolitano razzismo trento m-theory borghezio abolizione cuccioli playstation la7 politica fbi pesticidi brunetta osx s&p tim cook torri gemelle caccia premier gatto mafia comune complotti amatrice sindaco multiverso basf vaccinazione putin profeta life ursus iostocondaniza manganello Mills asl luce centrali nucleari fascisti presidente isis xbox artico attentati console android ceo daniza letta os napoli space shuttle calderoli immondizia ps3 bufale bossi gheddafi lega nord mare steve jobs videogiochi giornalismo placebo quantistica dio wwf bugie luna lega webcam enel omeopatia giovani legge social virus apollo spazio abbandono teoria tg1 trentino wifi uomo acqua google meccanica quantistica prestigiacomo terrorismo privacy 11 settembre minzolini bosone lhc pd facebook ricostruzione scuola tablet tasse economia fisica fallimento vaticano polverini obama morte elezioni crisi economica complotto rai chernobyl maroni lav ipnotik rifiuti incidente microsoft einstein scie chimiche cern lavoro l'aquila nasa ipad smartphone casta centrale nucleare renzi petrolio pdl parlamento blog fukushima ios italia emergency truffa radiazioni referendum iphone ambiente terremoto nucleare recensione rieti greenpeace inquinamento governo apple

Pin It on Pinterest

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi